Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

venerdì 17 agosto 2012

Ultima notte di mezz'estate

"Non le vedi? Com'è possibile?"
Lui sgranò gli occhi nel buio, sforzandosi di cogliere qualcosa. Ci provò fino a farseli lacrimare, poi disse: "No. Mi dispiace. Non vedo niente".
La notte era completamente buia e nella loro piccola baita, isolata per chilometri in ogni direzione, non c'erano luci accese. L'oscurità era totale. Almeno, lo era stata fino ad un minuto prima.

"Incredibile..." fece lei con aria assorta.
Non capiva se la ragazza si riferisse a ciò che guardava, o al fatto che non lo vedesse lui.
"Ma cosa c'è esattamente?" Domandò alla fine.
"Lucciole." rispose lei. "Inconfondibili. Pallide, pulsanti, che fluttuano lentamente... a milioni. Illuminano tutta la valle. Oh Giorgio è impossibile che tu non le veda."

Un pensiero crudele lo colpì all'improvviso. Con un groppo in gola tirò fuori dalla tasca il telefonino, e premette una combinazione di tasti. La luce azzurrognola del display lo abbagliò dolorosamente, e lui ne fu immensamente sollevato.
"Spegni quel coso. Ti pare il momento?" sibilò lei infastidita.
"Scusami" borbottò. Guardò di nuovo verso il bosco, e la valle sottostante.
L'unica cosa che vedeva era l'abbacinante impronta rettangolare dello schermo impressa sulla retina. Svanita quella, rimase il buio più totale.


"Si avvicinano!" squittì lei. Si era allontanata nel buio, ma Giorgio non riusciva a capire in quale direzione.
"Dove vai?" gridò allarmato. "Torna qui, ti perderai"
"Ma che dici? Si vede come se fosse giorno!" disse lei. La voce proveniva da un punto più a valle, assieme allo scalpiccio dei suoi scarponi sul terreno scosceso.
"Laura! Laura" chiamò.
"Oh... sono ancora più fitte!"

Giorgio si mosse cautamente verso la sua compagna, cercando di seguire i rumori che faceva scendendo lungo la scarpata.
La sentiva inciampare, smuovendo sassi e radici come se procedesse alla cieca.
"Ma ci vedi?" domandò, colpito da un pensiero.
"Giorgio, sono quasi abbagliata! Ma davvero non le vedi?" aveva un tono allegro, da ragazzina eccitata. Ma c'era anche una nota stridula, fuori luogo, che lo mise in allarme.

"Laura!" chiamò perentorio. "Adesso basta, torna indietro. Ho bisogno di aiuto."
Continua a leggere...