Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

giovedì 28 marzo 2013

Tante brevi (contro)favoline II


Altre favole del Coniglio per il concorso "un tweet da favola"  a cui si partecipa con storie di 140 caratteri, incluso il tag #hca13.
Aggiornamento: Annarita Ruberto e Leonardo Petrillo hanno raccolto l'idea e prodotto una serie di favole di scienza che trovate qui, "Al Tamburo Riparato" e qui su "Scientificando".
Al di là delle storie, gustose e divertenti,  entrambi i blog sono favolosi, appunto, e da seguire con attenzione!  
Il Coniglio ha risposto con alcune tweetfavole mediche, che trovate invece qui sotto.
- Questo legame è soffocante, disse l'emoglobina al monossido di carbonio. Mi togli ossigeno e non mi lasci libera! Così mi avveleni.

- Dovete smetterla di lasciarmi tutti gli scarti, non è giusto trattarmi così, da appendice. Se mi infiammo vedrete di che sono capace!

- Avrei proprio voglia di cambiare aria. Qui accanto è tutto un martellare e a volte mi sento in gabbia, disse il polmone.

- Un globulo rosso correva a più non posso, riempita la pancina di buona emoglobina. E quando ne fu stanco, lo mangiò il globulo bianco.

Le altre son qui di seguito:

- Che gusto ci trovi a fare queste idiozie?  Sei un neutrino grande ormai. Cambiare sapore! Ma ti immagini se qualcuno se ne accorge?

- Non importa se hai fatto un'offerta migliore e l'ha venduta a te. L'avevo tentato io, in questo lavoro ci vuole serietà. Che diavolo!

- Non era meglio evitare di avvicinarsi così tanto al buco nero? Se...eS ?oren ocub la otnat ìsoc isranicivva id erative oligem are noN

- Adesso basta storie, disse mamma drago. Il babbo ha fatto sacrifici per portare il cavaliere a cena e non è bello sprecare il cibo!

- c'era una volta non lo scrisse, era una favola breve. Il lieto fine arrivò subito, saltando il resto  tutti vissero felici e contenti

- in rianimazione mancava la luce per guardarle il viso. Lei non sentì mai le carezze sulle mani e nemmeno quando lui pianse più forte.

- L'eroe partì a primavera, viaggiò un'estate e combatté il drago d'autunno, ma nessuno vinse. Giocarono a carte per tutto l'inverno .

- Da anni dormiva felice nel bosco baciata dal sole e dal vento. Lui la svegliò spezzando l'incantesimo e poi  voleva che  lo sposasse!

- Con il prezzo del legno alle stelle e le tasse sull'artigianato, Geppetto si sposò la fata turchina ed ebbero subito un bambino vero