Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

lunedì 22 aprile 2013

Imprevedibile cambiamento

Iniziò all'improvviso. Il mondo fu squarciato da un precipitoso susseguirsi di scosse, rabbiose e convulse. Sembravano non finire mai; un sussulto dopo l'altro, impietosi, finché tutto intorno mi crollò addosso. Il mio corpo, costretto dal peso immenso, veniva stritolato in un groviglio di dolore. Lottavo per respirare, in preda al panico, cercando di sfuggire a quel torchio che mi spezzava la schiena.

Qualcosa davanti a me cedeva. Preda dell’istinto spingevo con la faccia, allargando, lacerando, scavando a viva forza mentre le scosse continuavano a squassare ogni cosa
Sbucai all'esterno all'improvviso. Le luci mi accecavano, il frastuono era insopportabile; l'aria gelida mi esplose nel petto, gli occhi e la gola avvamparono di un bruciore lancinante . Mi sentii afferrare, torcere e infine liberare del tutto. Ero esausto e avevo paura, scoppiai in un pianto disperato.
Lei mi prese, conobbi le sue mani, la pelle morbida e calda del suo seno. Mi ci abbandonai, ed iniziai a vivere.