Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

giovedì 10 aprile 2014

L'archivio nell'archivio nell'archivio (...)

Premetto che questo post contiene una dissertazione su una questione di nulla o quasi utilità pratica, scarso interesse intellettivo e del tutto inadatta per essere utilizzata all'interno di una qualsiasi conversazione,  in qualsivoglia circostanza concepibile, specialmente se finalizzata alla socializzazione.
Eccetto, forse, il caso di interazione galante con un essere umano profondamente interessato alla grammatica italiana (o follemente innamorato di voi).
Ciò detto, separo questa introduzione dalla suddetta dissertazione tramite una riga di interruzione, che per il lettore si tradurrà in un "continua a leggere..." e per me rappresenta un efficace velo pietoso steso sul resto, che mi accingo a scrivere. 
Premessa: siamo nella necessità di comunicare ad un collaboratore il seguente concetto: quando spedisci quella specifica e-mail, metti il mio indirizzo in copia, così rimane anche nella mia casella di posta una traccia di ciò che abbiamo mandato, e io posso archiviare il messaggio per riferimento futuro.

La comunicazione suddetta è stata così sintetizzata: mettimi in copia nella mail, che la archivio. 

La questione è se avrei potuto scrivere "mettimi in copia che l'archivio", sottintendendo correttamente, o meno, è questo il quesito, se quell'apostrofo poteva appiccicarsi a "la" pronome, riferito alla e-mail, precedente il verbo "archiviare" declinato alla persona dell'indicativo presente (io la archivio, la email /paradosso nel paradosso: "la" pronome e "la" articolo nella stessa frase!/) o invece è opportuno usare l'apostrofo solo nel caso dell'articolo determinativo maschile "lo" che accompagna il sostantivo "archivio"

Quindi in un caso avremmo: io l'archivio nell'archivio.
Nell'altro caso: io la archivio nell'archivio.

Ma se ho un archivio più piccolo, personale e riservato, all'interno di un grande archivio centrale, ad accesso pubblico, cosa faccio? Perché io, avendo un archivio nell'archivio, avrei dovuto dire in un caso che la mail la archivio nell'archivio nell'archivio, e nell'altro che l'archivio nell'archivio nell'archivio? 
La seconda frase si presta ad interpretazione subdola, perché darebbe adito, estrapolata dal contesto, ad ipotizzare l'esistenza di un terzo archivio, come sotto-sezione dell'archivio (privato) nell'archivio (pubblico). E a quel punto sarebbe necessario specificare, riguardo alla mail, quale sia esattamente l'archivio nell'archivio nell'archivio dove io l'archivio. 

Roba da mail di testa. Facciamo che io la mail la salvo, nella casella in entrata, e la finiamo qui.