Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

giovedì 29 maggio 2014

Se butti un sasso nello stagno delle idee (aggiornamento distopico)



Giorni intensi per il Coniglio, che di recente si è trovato a completare, in famiglia, il terzo step della serie di Fibonacci (1, 1, 2) con l'arrivo del secondo figliolo.
In attesa che la nuova generazione faccia il suo lavoro e produca l'atteso risultato di tre coniglini-nipoti, il vecchio Coniglio ha ripassato le procedure per l'utilizzo dei pannolini taglia 2 e continua a lavorare sulla sua distopia, puntanto a concludere la prima parte di un racconto lungo ambientato nel mondo delle Colonie Resilienti per il fine settimana (coniglini permettendo, è chiaro).

La storia dovrebbe ambientarsi nell'emisfero boreale, dove sono insediate una serie di colonie con una vocazione prettamente scientifica, disinteressate a problematiche di espansionismo o prevenzione dei conflitti militari. La situazione opposta a quelle boreali, dove invece la pressione degli ingombranti vicini nippo-continentali continua a farsi sentire, nonostante siano passati soltanto 15 anni dalla clamorosa disfatta della Guerra delle Sorgenti.

Per chi si fosse perso qualche post, stiamo parlando del progetto di scrittura creativa lanciato insieme a Michele Scarparo, di cui trovate tutti i dettagli nel post sulla distopia che vi ho linkato qualche riga sopra.
Ricordo che l'ambientazione è post crisi energetica globale, si basa su un interessante articolo di Alessandro Corradini per il blog di Ugo Bardi, dal quale è stata liberamente tratta un'ambientazione distopica che si sviluppa circa 250 anni nel futuro (anno 2248 e seguenti). 
Nel mio post trovate un breve aggiornamento di cosa è successo nel frattempo.

Chiunque, se ne ha voglia, può mettersi all'opera e scrivere un racconto, una poesia, un commento, un suggerimento, arricchire la distopia o crearne una tutta sua. L'idea è di raccogliere il tutto in una antologia, nel contesto di un progetto che mostri fin dove si allargano le cerchie della fantasia degli scrittori, se butti un sasso nello stagno delle idee...
  
Per partecipare, si fa presto: si legge, si scrive e si segnala per email il risultato finale (spartacomencaroni, gmail e com conditi con la chiocciola e il punto)


origine immagine: http://nerdpopculture.files.wordpress.com/