Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

martedì 28 ottobre 2014

Premiaconiglio


C'è una cosa bella in queste iniziative che premiano i blogger con una cascata a piramide. Non è tanto il fatto che siano in grado di premiare potenzialmente l'intera blogsfera, ma il loro valore come occasione per conoscerci e arricchirsi di nuove fonti da cui attingere e di nuove amicizie.

Alcuni dei miei contatti più assidui sono nati da inaspettate citazioni di questo tipo e in alcune circostanze ho scoperto insostituibili compagni di penna o di letture. Pertanto, bando alle cianche (ciao +Romina Tamerici  ) e cominciamo subito con il motivo per cui tutti siete qui, a leggere questo post.
Mi è stato assegnato un Liebster Blog Award, fra i riconoscimenti, il più dettagliato. Infatti le istruzioni per l'uso sono rigorose e noi le andiamo ad elencare, eseguendole nel contempo, in un raffinato e metodico procedimento che vi invito a seguire con attenzione.

1 - postare l'immagine del premio
Ci siamo.



2 - ringraziare chi ti ha nominato e linkare il suo blog 


In parte l'ho già fatto: ribadisco che trovo molto bello partecipare a queste cose, perché è un po' come rompere il ghiaccio in un gruppo di persone che si conoscono poco, e portano ad allargare la visuale su molte persone e fonti interessanti. Nel caso di +Elisa Elena Carollo linkare il suo blog (http://it-drama-queen.blogspot.it ) è un vero piacere. Consiglio vivamente di fare un giro fra le sue pagine, dove fra teatro e letteratura, storia della drammaturgia e intelligente critica la nostra giovane amica dalle molte vite è capace di condividere un'esperienza umana e artistica di grande fascino e profondità.


3 - raccontare 11 cose di te. 

Qui mi dispiace per chi legge, vi annoierete a morte, ma le regole sono regole. Tuttavia, poiché questo premio non è stato assegnato solo a Spartaco Mencaroni, la cui vita privata poteva sollevare pochi elementi di curiosità, ma è espressamente rivolto al Coniglio Mannaro, parlerò anche del bizzarro lagomorgo.


1) Il Coniglio Mannaro ha un'età indefinita, ma non lontana dai 36 anni, altrimenti non sarebbe avrebbe senso il detto "è nato prima il Coniglio o il suo ospite?"



2) Per una ragione inspiegata, riesco a muovere lateralmente il terzo e il quarto dito del piede destro, di diversi centimetri. Non so farlo con il sinistro.



3) Il Coniglio detesta i finocchi lessi. E anche io.



4) So scrivere senza guardare la tastiera. Il Coniglio invece asoifhiowqafon fa



5) Il Coniglio Mannaro non ha figli. Un altro punto in cui divergiamo.



6) Sono totalmente, profondamente e temo irreversibilmente disinteressato ad alcune cose, fra cui il campionato di calcio, i talkshow, le sitcom, l'astrologia e il complottismo. Il Coniglio invece adora le soap-opera.



7) Il Coniglio ama in maniera spassionata il gelato al limore e la cannella. Due cose che io invece detesto con tutte le mie forze.



8) Mangio volentieri qualunque cosa possa definirsi tipica, o frutto di una tradizione alimentare locale. Nei posti dove sono stato ho assaggiato tutto quello che mi è stato proposto con costante soddisfazione, inclusi alcuni derivati animali mediamente discutibili. La mia predilezione va comunque alla carne di mucca (al sangue) e alla cacciagione in grado di muoversi sulle proprie zampe (tendo ad escludere i primati). Non ho niente contro i vegani, solo gusti alimentari speculari ai loro.  Nemmeno il Coniglio è vegetariano. Prima che qualcuno lo chieda, sì, mi piace il coniglio con le olive: su questo punto il mio alter ego lunatico osserva un rispettoso "no comment".



9) Le mie letture di riferimento (quelle cose che, dopo averle lette, mi hanno influenzato nella formazione come persona e come scribacchino) sono quasi tutte riferite al '900. Volendo fare dei nomi da invitare ad un banchetto letterario ci sono Italo Calvino, Dino Buzzati, José Saramago, Umberto Eco, Jacques le Goff, Jorge Luis Borges e una nutrita schiera di autori di fantascienza degli anni '40 e '50, capeggiati da Asimov, Clarke, Heinlein, Van Voght e Brown. Il settore che mi affascina di più è quello di confine fra scienza e letteratura, e relativo il dialogo fra i due mondi.



10) L'animale che odiamo di più (tutti e due) è la zanzara.



11)  A differenza del Coniglio, come ho detto, ho due figli piccoli. Vorrei che ci fosse un momento, in futuro, in cui possa con onestà sentire il bisogno di dire loro che il mondo che conoscono è diventato in qualche modo migliore di quello che ho trovato io arrivandoci, e che questo fatto, anche se in minima parte, è dipeso anche da me.



4. Nominare 11 blog con meno di 200 followe che ritieni meritino il premio
Questa è la parte più difficile. Farei torto ad un sacco di gente e non so se le persone che ho in mente sarebbero felici di questa intervista: molti inoltre sono già stati premiati (forse sono in una fase avanzata della piramide premiante). Perciò, mi limito a suggerire una lista di blog che adoro, a cui rivolgervi per approfondire la conoscenza con persone di sicuro interessanti e ricche.



5. Rispondere alle 11 domande di Elisa 

1 - Se dovessi prendere il posto del protagonista di un libro, quale sceglieresti?

Non c'è alcun dubbio: vorrei essere quello che confisca il Nautilus al capitano Nemo.


2 - Credi nella casualità o in un disegno superiore? O in nessuno dei due?
Una risposta dicotomica non esiste. La mia posizione è che esista un disegno che ha impresso un'impronta alle leggi fondamentali nell'universo, lasciando all'uomo la possibilità di scoprirne il senso più alto.



3 - Ti affascina di più l'arte o la scienza?
Mi piacciono enormemente le commistioni fra i due mondi. Penso che limitarsi ad uno solo dei due sia un vero peccato.



4 - Nomina le tre caratteristiche che trovi più sgradevoli in una persona.
Ottusità, arroganza e qualunquismo



5 - Se potessi scegliere di trasferirti in un angolo qualsiasi del globo, dove andresti?



6 - Qual è la canzone che ascolti più spesso in questo periodo?
Il treno del nonno fa "ciuf ciuf" - feat. Peppa Pig.
No, non sto scherzando (sigh...)



7 - Qual era il tuo gioco preferito, da bambino?
Di diversi ordini di grandezza, il LEGO



8 - Quale stagione preferisci?
La fine dell'autunno



9 - Meglio scrivere a computer oppure a mano?
Scrivere a mano è meraviglioso, adoro i quaderni rilegati in pelle e le stilografiche; ma ho una scrittura orrenda e mi stanco le dita con grande facilità. Preferisco quindi scrivere al computer, dove riesco ad andare avanti velocemente per ore senza stancarmi e senza guardare la tastiera (il coniglio, invece, sdioèwerhhqwndjklj klòjuioekln)



10 - Che rapporto hai con i social network?
Mi piace utilizzare SN che consentono di selezionare i contenuti, nei quali le persone usano condividere i risultati delle proprie passioni, interessi e magari dell'attività professionale o scientifica. Utilizzo G+ come una sorta di strumento parallelo a Feedly (quasi tutti i profili che seguo sono di blogger). In pratica, frequento assiduamente G+, molto meno FB e decisamente non amo gli altri social, a cominciare da twitter, che non ho mai capito fino in fondo a che serve.


11- Hai mai pensato, per qualche motivo, di chiudere il tuo blog?
Ogni tanto, quando l'aggiornamento dell'interfaccia web di blogger è lento come i movimenti della Pangea, sì. Ma poi mi passa.

Mi pare di aver finito, Elisa Elena. Ma se manca qualcosa, non hai che da farmi un fischio!
E grazie ancora per questa bella idea :D