Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

domenica 8 febbraio 2015

Zenone? Ha sempre avuto ragione!

Questo carnevale, come accade tutti gli anni da un po' di tempo a questa parte, è accompagnato dal suo gemello matematico. Così, mentre là fuori le folle folleggiano su carri e lungomari, nell'oscurità della ragnatela si preparano contributi e introduzioni, e fervono i lavori per dare alla luce "canta innamorato", che non è, come si potrebbe pensare, un evento collegato all'incombente festival popolcanoro, ma il nome in codice, Pop(inga)Gaussiano, dell'edizione di febbraio 2015 (il numero d'ordine 82, per esser precisi) del Carnevale della Matematica.

Quante stranezze e bizzarre coincidente accompagnano questa kermesse, tanto che gli ospiti, i Rudi Matematici, sempre ispirati, hanno proposto come tema "famolo strano", ovvero l'elogio della diversità in matematica, approcci insoliti, dimostrazioni alternative.

Io e il Coniglio ci piacerebbe fare qualcosa di simpatico e forse lo faremo, ma non è un periodo propizio per la scrittura creativa e quindi, per ora, proponiamo una rivisitazione alternativa del paradosso di Zenone.



Zenone? Ha sempre avuto ragione!


Sulla strada polverosa delle sfide

volano i calzari del Pelide, 

incalzando da presso il carapace
di un chelonide, in logica fallace, 
che credeva imperituro il suo vantaggio,
mostrandosi di fatto poco saggio!
Ma nell'infinita successione
un'umile pietruzza si frappone,
ed ecco, gran paradosso,
si vede Achille ruzzolar nel fosso.


Ecco... ben poca roba, siamo consapevoli, ma speriamo che serva almeno a divertirvi! E poi ci sono due cose: intanto, considerate che c'è ancora tempo, prima della scadenza del carnevale: mancano 4 giorni, che dopodomani saranno 2, poi diventeranno uno solo, e poi mezza giornata, sei ore, tre, novanta minuti, tre quarti d'ora, ventidue minuti e 30 secondi... E voi volete che, in tutti questi infiniti intervalli da sommare, mentre il Carnevale non arriva mai, non si trovi il tempo di scriver qualcosa?

L'altra cosa è ringraziare +Romina Tamerici che, con i suoi esercizi su "una parola al mese", mi ha fatto scrivere qualcosa su "imperituro". Ringrazio molto spesso Romina, non vorrei che, a forza di ripetermi, stesse diventando una specie di... giaculatoria!