Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

domenica 16 dicembre 2012

La ragazza vestita d'azzurro

Questo racconto è stato scritto per la partecipazione alla selezone "matrix antology" della casa editrice Homo Scrivens. E' quindi esplicitamente ispirato al mondo di Matrix.



La ragazza vestita d’azzurro guardò il cavaliere. I suoi occhi verdi scintillavano della luce del tramonto, che li inondava di luce dorata.
Era uno sguardo d’amore totale, completo. Lui smontò da cavallo, prese la mano della fanciulla e la baciò teneramente.
Si incamminarono abbracciati su di un prato fiorito, un dolce declivio che conduceva verso il lago. Passeggiarono lungo le sue rive, sorbendo dolce vino passito da coppe di cristallo. Il sole scivolò lentamente nelle acque profonde, che lo accolsero tingendosi di porpora.
Le gelide stelle scintillarono sui corpi nudi dei due amanti, un nodo inestricabile di passione.
Infine giacquero, sazi e stremati.