Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

lunedì 10 giugno 2013

Il paradosso del "rettibondo"

Per il Carnevale della Matematica #62, sul fantastico blog Popinga, un raccontino dedicato ad uno sconosciuto genio molto particolare.

Che cos’è il genio?
A cosa ci riferiamo esattamente, quando usiamo la parola per descrivere qualcuno, o qualcosa, di straordinariamente unico?
Mi sono posto questa domanda molte volte nel corso della mia esistenza, ed ora che sto per lasciarla sento di non essere mai stato così vicino ad una risposta definiva.
Mi trovo qui perché ho avuto il coraggio di seguire fino in fondo la scintilla di rivelazione che mi abbaglia e mi ossessiona da sempre. Ed anche se ciò mi costerà la vita, non sono pentito del mio cammino. E’ unico e irripetibile e io ne sono giustamente orgoglioso.
Nessun percorso in questo mondo può vantare le straordinarie caratteristiche di quello che ho scelto io: lo so perché fin da giovanissimo ho dedicato la vita ad osservare gli spostamenti degli altri.