Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

domenica 25 gennaio 2015

Gli indivisibili (parte 2 di 2)

(segue)

In quegli anni, la moda aveva preso piede ovunque. Non si potevano attraversare più di un paio di isolati, in città, senza imbattersi in uno di quei negozi enigmatici, con la vetrina oscurata e l'ammiccante etichetta azzurra dagli slogan altisonanti: scritte come "Scopri la tua verità!" o "Solleva il velo intorno a te." si contendevano l'attenzione dei passanti lampeggiando insistenti all'altezza degli sguardi.
Ovunque, sui giornali, sui visori portatili, sui mezzi pubblici, si ripetevano gli inviti a sperimentare la novità tecnologica del millennio, il punto d'arrivo della scienza, l'unica scoperta in grado di realizzare la promessa echeggiante nei secoli. Era la risposta finale: sollevare la pellicola invisibile, il simulacro che ricopriva ogni cosa, e guardare in faccia la realtà.  Poco importava, ai milioni di persone comuni che avevano arricchito la multinazionale fondata da Gregor Lemorge, che il mondo al di là del velo non fosse diverso dal quella rappresentazione, fedele e ininterrotta, che lo avvolgeva. Una volta attivato l'elegante macchinario venduto dalla Lemorge INC., la Mappa veniva via come la pelle di una salsiccia, sottile ed elastica, senza sforzo. Dopo, si poteva avvolgere in larghi fogli che conservavano, come un negativo, l'impronta del punto da cui erano stati staccati. Rimossa la pellicola, naturalmente, un albero rimaneva tale; un muro svelato non era diverso da prima, e così le altre cose. Paesaggi, oggetti, edifici: tutto rimaneva identico, eppure era diverso. Come Trentor aveva avuto modo di sperimentare nel laboratorio sotto l'università, le cose al di sotto della pellicola erano in qualche modo più vivide, più definite: si apprezzavano meglio sia con lo sguardo, sia con il tatto, come se fino a quel momento fossero state percepite attraverso una sorta di schermo. Era una sensazione effimera, sottile e inebriante come l'aria di montagna; un privilegio costoso, ma al quale pochi sembravano intenzionati a rinunciare, qualunque fosse il suo prezzo.