Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

martedì 21 aprile 2015

Agente governativo

Nota: questo racconto è uscito il 17 aprile 2015 sul sito di "Mi metto in gioco" e partecipa alla piccola disfida "parole a caso"; come si intuisce dal titolo, si tratta di scrivere un racconto utilizzando otto parole, che sono: automobile, cappello, dentifricio, lettera, scrivania, ruota, cane, ombrello.

Che poi quest parole siano state trovate in foglietto arrotolato dentro una bottiglia da un gruppo di balenotteri filibustieri, subito dopo l'arrembaggio del Pequod, beh questa è un'altra faccenda (ed è per questo che dovreste leggere il post di cui sopra...)

E ora, il racconto.



- Creston vive laggiù, dall'altra parte della collina.

Il vecchio fece vibrare più volte le palpebre cispose e poi aggiunse: - Se è ancora vivo, si intende.