Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

lunedì 20 luglio 2015

Word dust - Capitolo 2

Questo racconto fa parte di un progetto di destrutturazione narrativa: ma mano che si procede, la storia perde i suoi riferimenti, sia per i personaggi, che per chi la scrive. Solo i lettori, partecipando ai commenti, possono tenere in mano il filo di Arianna e influenzare la trama. Per esempio, questo capitolo vi arriva grazie a +Anna Maria Fabbri



Capitolo 1

Capitolo 2
Chi lo accoglierà Giambo? Che ruolo ha all'interno della colonia? Possibile che mandino in missione uno che abbia un ruolo importante con il rischio di perderlo? O è un membro della collettività che si deve riscattare? Potrebbe essere un militare non molto rispettoso degli ordini che vengono dall'alto, uno che tende a risolvere le cose a suo modo, e lo hanno spedito in una missione che nessuno è mai riuscito a portare a termine, confidando nella sua imprevedibilità umana. E se nella mente di Giambo, ora interagisse anche l'alieno per poter studiare gli umani e i loro piani?
Marta Maria Fabbri

Scendevano lente dal cielo le scie luminose delle Piccole Comete. Grumi incandescenti, accumulati nella ionosfera, che si sgretolavano lenti in miriadi di gemme di luce. La bassa gravità e la densità degli strati alti dell'atmosfera consentivano a quei granelli di fluttuare a lungo, con traiettorie bizzarre, ricamando il cielo notturno con mutevoli arabeschi. Dall'interno della cupola, in ogni spazio aperto della colonia, coloravano la notte di un chiarore iridescente. Nel centro del campo di addestramento le Comete facevano brillare le foglie dei cespugli nativi di erbazzurra. Quelle luci, come tutto ciò che accadeva oltre il cielo di Gerico, erano un fenomeno legato alla Polvere; tutti, in qualche modo, lo sapevano, ne divenivano consapevoli non appena sbarcavano, o poco dopo.
Anche Giambo, che aveva dimenticato tutto di sé, sapeva della Polvere. Pur non potendo confrontarsi con i propri ricordi, era certo di conoscere al riguardo più di qualunque cittadino umano del pianeta, forse ancora di più della stessa intelligence militare di cui, formalmente, faceva ancora parte.
- Si degna di seguire la mia introduzione, signor Giambo?